Un nuovo progetto di solidarietà per Ambra

In occasione dell’Assemblea di Bilancio tenutasi lo scorso 24 maggio,  il presidente di Boorea Ildo Cigarini e il presidente di Ambra Roberto Mainardi hanno presentato alla platea tre differenti progetti di solidarietà internazionale in cui è impegnata la ONG GVC di Bologna. I progetti riguardano attività di sostegno alla popolazione e si inseriscono – come ha sostenuto Ildo Cigarini – nella linea di impegno solidale che caratterizza Boorea e in cui si impegnano, anche singolarmente, molte cooperative reggiane.

Cigarini e Mainardi hanno presentato gli obiettivi specifici dei singoli progetti e l’assemblea ha votato, decidendo così di adottare  il progetto “Il sorriso delle bambine”, volto a promuovere i diritti di donne e bambine cambogiane lottando contro la violenza e lo sfruttamento nella provincia di Siem Reap, una tra le 5 province maggiormente coinvolte nel traffico di donne e bambine e la prima in assoluto per vittime di abuso sessuale.

La Cambogia é considerata tra i paesi più poveri nel sud est asiatico, e uno dei problemi principali in questo scenario riguarda appunto lo sfruttamento di donne e bambine, con dati allarmanti: una donna su quattro è vittima di violenze domestiche, oltre il 70% di abusi sessuali avviene su bambine e bambini tra i 5 e i 17 anni. Il 36% delle donne cambogiane che emigrano in cerca di lavoro sono vittime di sfruttamento, deprivazione di documenti, pratiche sessuali non consenzienti.

Il progetto, della durata di 24 mesi, è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e si avvale del contributo di alcuni partner locali: Cambodian Women’s Crisis Center (CWCC), Phare Ponleu Selpak (PPS), Dipartimento di Agricoltura della Provincia di Siem Reap. GVC intende operare in due direzioni: creare servizi di sensibilizzazione e informazione presso la popolazione e ridurre la povertà offrendo occasioni di reddito per le famiglie povere e in particolare per le donne.

Le socie e soci hanno chiesto a Boorea di partecipare al progetto organizzando la raccolta dei fondi tramite donazioni volontarie da busta paga e organizzazione di feste ed eventi in cui coinvolgere  la cittadinanza nei territori in cui Ambra opera con un obiettivo di raccolta pari a 20.000 euro.

Mainardi ha sottolineato l’importanza della scelta fatta che “valorizza la tensione solidaristica e sociale di Ambra e la sua caratterizzazione di impresa cooperativa che guarda certo all’obiettivo economico, ma non dimentica mai la volontà di essere forza di sostegno al cambiamento e al miglioramento delle condizioni di vita delle fasce più disagiate della popolazione, in Italia e fuori dai confini nazionali”.

 

Tag:, , , ,